SpireAll
SpireAll

Auto Elettriche, Tecnologia & Ambiente

Categorie


RSS RSS Feed


Lamborghini Terzo Millennio, la prima Hyper car elettrica italiana.

Edoardo SadaEdoardo Sada

Proprio nel precedente articolo concludemmo con un’invettiva sull’importanza di concentrarsi di più sulla ricerca e lo sviluppo da parte di delle case automobilistiche italiane e del paese in generale.
Oggi vi sottoponiamo  uno dei frutti scaturiti dallo sforzo di R&S di Lamborghini ed il Massachussets Institute of Technology: La Lamborghini Terzo Millennio.
Sviluppata in collaborazione con il MIT di Boston è ad oggi la proiezione di quello che l’azienda di Sant’Agata Bolognese intende per hyper car elettrica.
Frutto della costante ricerca di performance, tipico della casa emiliana, la Terzo Millennio è d’apprima una gioia per gli occhi ed infine un concentrato di innovazione sia nella tecnica che nel design.

Lamborghini Terzo Millennio render

IL DESIGN
Il design aggressivo dell’auto è pienamente in stile Lambo, ricorda a tratti una Veneno o Huracan Centenario ma elevata alla n° potenza.
Il vantaggio che qui gli spazi a disposizione dei designers non devono fare i conti con il maggiore ingombro del motore termico.
I 4 motori elettrici  andranno ad essere posti presso le ruote, una configurazione sempre più usata nelle auto elettriche ad alte prestazioni.
A tal proposito facciamo notare la speciale configurazione dei cerchi dell’auto su cui sono raffigurati dei fasci arancioni, rappresentanti gli avvolgimenti di rame dei moroti elettrici.

Lamborghini Terzo Millennio Frontal view
Nuove linee possono quindi essere tracciate, ne sono un esempio gli spazi per far defluire l’aria lasciati intorno ai fari oled ad Y anteriori.
Lungo le fiancate, ampi diffusori fanno scorrere l’aria verso il retrotreno assicurandosi che quasta agisca incollando l’auto all’asfalto durante la marcia.
La parte posteriore dell’auto sembra avere esclusivamente il compito di sputare il più in fretta possibile l’aria che l’auto fende durante la marcia; ne sono prova altri diffusori, ed i piccolissimi fari oled, anche questi ad Y concepiti per essere ben visibili, ma al contempo ingombrare pochissimo.
A questo proposito facciamo notare che l’auto è bassa, molto, molto, molto bassa, non solo per motivi di aderenza ma sopratutto per motivi di resistenza all’aria, componente fondamentale quando si parla di performance e di elettriche.
Diffusori posteriori lamborghini terzo millennio

LA TECNICA
La collaborazione con l’università americana ha permesso sviluppare innovazioni in termini di recupero di energia da parte della struttura dell’auto.
I sistemi di recupero dell’energia cinetica non sono una novità, ma quelli montati dalla Lamborghini Terzo Millennio sono sicuramente fra i più avanzati.
La parte clou della ricerca svolta fra Lamborghini ed il MIT sta nello sviluppo del telaio e della carrozzeria.
Entrambi sono infatti costituiti da una speciale fibra di carbonio dove sono presenti dei nano conduttori, immersi nella resina del carbonio, che trasformano la superficie esposta in un sistema che produce energia elettrica.
Questo fatto non aumenta soltanto l’efficienza del veicolo ma sopratutto protegge le batterie allungandone la vita.
Ciò è permesso grazie al fatto che queste vengono ricaricate meno spesso. ( la ricarica e l’utilizzo sono i momenti in cui la batteria “invecchia” poichè sollecitata).

Fari ad Y ed aerodinamica lamborghini terzo millennio

La joint venture Lamborghini-Mit stia lavorando per sviluppare un supercondensatore, in grado di eliminare le  attuali barriere determinate da capacità di stockaggio, durata ed output.
L’obbiettivo è quello di dare al pilota la maggior autonomia e sfruttare al massimo le potenzialità dell’auto senza dover tenere costantemente un occhio sugli indicatori di carica residua.
Idealmente Lamborghini vuole garantire di poter utilizzare l’auto al massimo delle sue capacità per tutto il periodo necessario, ma si sa che prima o poi ai box ci si dovrà passare, sempre.

LA CARROZZERIA CHE SI RIPARA DA SOLA
Altra peculiarità della Lamborghini Terzo Millennio: questa concept è dotata di una tecnologia che le permette di auto diagnosticare piccoli graffi o deformazioni e ripararli.
Una tecnologia simile è gia stata vista sui cellulari, come annunciò Motorola la scorsa estate, sugli schermi degli smartphone.
Per quanto riguarda i dati tecnici, performance ed interni non sono state rilasciate molte informazioni a riguardo, poichè la Lamborghini Terzo Millennio appartiene ad un futuro piuttosto remoto.

Ciò che di certo sappiamo è che prima di entrare nell’era delle auto completamente elettriche, Lamborghini passerà attraverso l’epoca delle ibride che la casa emiliana rilascerà sul mercato in tempi più brevi.
Nel frattempo non ci resta che seguire da vicino i progressi che case automobilistiche cosi importanti compiono con i nuovi modelli di auto elettriche!

Lamborghini Terzo MIllennio Garage

#spireall, vi raccontiamo il futuro!